Category Archives: Poesie

U mari cchiù bellu

‘U cchiu bellu d’ ‘i mari

E’ chiddu ca nonn avemu navigatu.

‘U cchiu bellu d’ ‘i figli nosti

Nonn è ancora crisciutu.

I jurni nosti cchiu belli

Nonn avemu ancora passati.

E’ chìddu

Ca ti vulèra dici di cchiu bèllu

Ancòra non t’aggiu dìttu.

Il più bello dei mari

E’ quello che non abbiamo navigato

Il più bello dei figli nostri

Non è ancora cresciuto.

I giorni nostri più belli

Non li abbiamo ancora passati

E’ quello

che vorrei dirti di più bello

Ancora non te l’ho detto

 

Zù Peppu

 

Chi curàggiu, chi cuntintìzzi

Hai appùta avì

Pe’ ti mitti a ffà ‘i zazìcchi

Doppu tanti guìzzi,

Doppu ca’ tant’occhi ‘mpaurùti

T’anu guardatu ‘a lama fridda e longa.

 

E cchì pilu ‘nu stommacu

P’accunzà ‘a tavula

Cu vinu ‘i Verbicàru

E ‘ntingi,

Russu cu russu.

 

Po’, nenti nenti…

sunavisi na musica

vattennu ‘u scannaturu

‘ncoppa ‘u bancuni i marmu…

E ‘ntunavisi na marcia

facennu grancassa

ammacchennu

Custati e cularda

‘ncoppa nu cippu i cersa

 

E vatta’ ‘a ricúrda cchiú

Va trova cchiú

Lamenti ‘i bestii

Lacrimi chiatrati

(di porci sciasciàti)

int’ ‘a occhi grossi e nivuri!!!

 

Eternu ringrazziamèntu

Pi nonn avì fattu vidi ‘stu stràzziu,

Pi nn’ avì lassàtu ‘a cuscienza pulita

E ‘u misàli sempi

‘Mbandìtu e mutu.

 

E comi t’ha prujèmu cchiù,

Mo ch’è Natale,

‘a zìrpula fritta e vuddùta?

 

 

Che coraggio che contentezza

hai dovuto avere

per metterti a fare le salsicce

dopo tante grida

dopo che tanti occhi impauriti

ti hanno guardato la lama fredda e lunga.

 

e che indifferenza

nell’apparecchiare la tavola

col vino di Verbicaro

e intingere

rosso con rosso

 

Poi, per caso…

suonavi una musica

battendo il coltello scannatoio

sul bancone di marmo…

E intonavi una marcia

facendo grancassa

ammaccando

costate e colarda

sul ceppo di quercia

 

E vai piú a ricordare…

vai piú a cercare…

lamenti di bestie

lacrime atterrite

(di maiali sezionati)

negli occhi grossi e neri!!!

 

Eterno ringraziamento

per non averci fatto vedere questo strazio,

e per averci lasciato la coscienza pulita

e il mensale sempre

imbandito e muto.

 

E come ti porgeremo piú,

adesso che é Natale,

la zeppola fritta e bollita?

 

Marcinàrru

(quannu ‘a vucca s’ ‘u pìgliti e ‘u culu ‘u rènniti, futtitìnni d’ ‘i midicìni e di cu ‘i vènniti. ossia l’elisir di giovinezza)

Spertu com’era

di ‘ntrugli e mmidicini

m’appìva chicà

‘nì leggi ‘i natura:

no’ tutt’ ‘i frisìddi

jèssinu cu’ ‘u bbucu!!!

Sulu ‘nu chimicu ‘u po ddici,

e mancu sempi,

chi ni po jesci

a cumbinà masculi e femmini…

E no ‘ngi su notti ‘i San Giuvanni,

bboni a cogli erva di magarìa

da ammuccià ‘nta bbiancherìa

E alluntanà ‘nzurti e malanni.

E accussì mi trovu ccà

cu’ l’alambiccu ‘i rame,

cullana ‘i capi d’agliu

e varòni ‘i cipùddi ‘i Trupìa,

ca’ mmìscku sal’ e cagliu

pe’ circà ‘i fa’ vinì l’entropia.

( quando la bocca richiede cibo e il culo lo rende, fregatene delle medicine e di chi le vende.ossia l’elisir di giovinezza)

Esperto com’ero

d’intrugli e medicine

dovetti piegarmi

alle leggi di natura

non tutte le freselle

riescono col buco!!!

Solo un chimico lo puó dire

e neanche sempre

cosa puó venirne

dalla combinazione di uomini e donne

e non ci sono notti di San Giovanni

buone a raccogliere erba magica

da nascondere nella biancheria

per allontanare fastidi e malanni

E cosí mi trovo quá

con l’alambicco di rame

collana di teste d’aglio

mucchi di cipolle di Tropea

che mischio sale e caglio

per cercare di provocare l’entropia

Fissinella

Vulìa essi ‘nu marinaru

Pi sburrià ‘ncoppa tutti i mari,

Pi sta’ luntanu da ogni amarizza terragna

E da ogni vicu ‘i chist’ anima nìvura.

Nisciunu timbiatu e ceramìli ‘ncapu:

Sulu ‘na murra ‘i stelli e soli cucenti

E ‘na luci justa a ogni piscata.

Pi chissu àggiu suppurtatu

‘U lamentu d’ ‘u jumu

Ca m’ ha ‘mparàtu a gghì a mmari:

Nni ìja apprèssu cu’ ‘u pinzèru,

Come ‘nu cani vati apprèssu ‘u patroni;

Mmi cunzulavi lla carizza ‘i l’unna

E ‘a canzone antica d’ ‘a gafia.

Volevo essere un marinaio

per vagabondare su tutti i mari,

per sfuggire ogni amarezza terrena

e ogni vicolo di questa anima nera.;

Nessun solaio e tegole in testa:

solo un gregge di stelle e sole cocente

e la giusta luce per ogni pescata.

Per questo ho sopportato

il lamento del fiume

che mi ha insegnato ad andare a mare:

gli andavo dietro col pensiero,

come un cane va appresso al padrone;

mi consolava la carezza dell’onda

e l’antico canto del gabbiano.

 

‘U Vaccàru

Cu stu ciort’ ‘i mari

Si gghiùtu a mitti ‘i rizzi…

Ma ‘u sàpisi ca crai no’ scaràmmisi?

Stavòta saje bbonu cu t’hadd’ ammagliàtu;

E no’ ssù voparèddi ‘i Santu Janni

Chiddi lucicèddi ca’ lampiìnu ‘ntornu…Felù.

Nonn’ è murata ‘i malutempu

… stà janchìzza

Ca’ t’è apparàta ‘nnand’ ‘nu mumèntu.

E nonn’ è rota ‘i puppa

‘Stu linnu ca’ vìdisi ‘ni pedi.

Ogni mestiere è persu a stu funnu!

Basta cchiù pani tostu pi’ gaddìni…

…E quistiùni cu’ Fissinèlla.

Con questa mareggiata

Sei andato a calare le reti…

Ma losai che domani non le recuperi?

Stavòlta sai bene chi ti ha ammagliàto;

E non sono le boghe di Santo Janni

quelle lucine che sfavillano intorno…Felù.

Non è aria di cattivo tempo

… questo chiarore

Che ti è apparso in un momènto.

E non è la ruota di poppa

questo legno che vedi ai tuoi piedi.

Ogni mestiere è perso a questo fondale!

Basta pane duro da dare alle galline…

…E i ragionamenti con Fissinèlla.