Category Archives: Poesie

Il fiume e l’oceano

Dicono che prima di entrare in mare

il fiume trema di paura.

A guardare indietro

tutto il cammino che ha percorso

i vertici,le montagne,

il lungo e tortuoso cammino.

che ha aperto attraverso giungle e villaggi.

E vede di fronte a sé un oceano così grande

che a entrare in lui può solo

sparire per sempre

Ma non c’è altro modo.

Il fiume non può tornare indietro.

Nessuno può tornare indietro.

Tornare indietro è impossibile nell’esistenza.

Il fiume deve accettare la sua natura

e entrare nell’oceano.

Solo entrando nell’oceano

la paura diminuerà,

perché solo allora saprà

che non si tratta di scomparire nell’oceano

ma di diventare oceano.

 

Dicinu ca prima ‘i trasi a mmàri

’u jumu trèmi ddi pàura.

A guardà arretu

tutta ‘a via c’ha fattu

‘i pizzi ‘i muntagni,

’u camìnu lòngu e arravugliàtu.

ca s’è apèrtu mmènzu a voschi e pàisi.

e vìditi nnandi ‘a iddi nu mari accussì gròssu

ca a ngi tràsi da indù ngi po’ sulu

scumparì pi sempi

Ma non ngè ata manera.

’U jumu no po’ turnà arretu.

Nisciunu po’ turnà arrètu.

Turnà arrètu no si po’ fa campènnu.

’U jumu adda favurisci a natura sua

adda tràsi a mmari.

Sulu trasènnu a mmari

’a paùra càliti,

picchì sulu tannu ‘u jumu sàpiti

ca non s’ tratti di scumparisci intu ‘u mari

Ma ‘i divintà mari

(Khalil Gibran)

SantoJanni di Letizia Labanchi

                                 

  

Son qui, in mezzo al mare
esposto
ai violenti libecci

L’onde si frangono gonfie ed oscure
contro le mie scabre pareti
oppur mi lambisconolievi
confinandomicon leggero sussurro
dolci segreti.

Io ascolto
con lo stesso paziente interesse
amari contrasti,
tenere voci
e tormenti

Sono il cuore fedele
che comprende e conforta,
sono il saggio
pronto ad accogliere

senza stanchezza
l’onde che il vento
fa sorridere,piangere,
o urlare,
in questo mare
misterioso e profondo
che è la vita
dell’uomo

Popò

KOSMOS MAKROS CHRONOS PARADOXOS

Nell’infinità dell’universo il tempo è un paradosso

 

Stanotti è vinùta ‘ na mala ura,

Ma puru idda adda passà;…e pàssiti

Picchì nisciunu jurnu passàtu torniti

Comi maje po’ turnà ancora sta sciaùra

 

Mò s’he fattu quasi jurnu:

E’ tempu di ‘i a levà ‘a catranella

Cent’ammiri avesa annisckatu ieri sira

Centu morzi da ‘a Matredda a don Nicola

Ogni morzu ‘nu pinzeru jettatu a mmari

Pi fa ammuccaà ‘nu pisci….pò

…. ‘na tirata ‘i tuscanu….

 

Antichi san Giuvanni si stanu ruppennu

Ammenti ca angora staje navighennu.

Quante memorie su passate da tant’anni

I cani c’atturcigliàvinu guinzagli ‘ni gammi

Giuvintù finita unt’a ‘nu paru ‘ vrazzate

E nuje abbàsciu ‘u bar a sparà cazzate..

 

’A morte

T’ha ngucciatu int’’u lettu tùu

E t’ ‘nzunnarrài

Ca no sèrviti a nnenti rispirà

Ca ‘u silenziu senza fiatu

E’ musica ca po gghì

Picchì si muzzicu comi ‘na lambuddina

 

E t’ammortisi com’ ‘a idda

’Na morti accussì. He sintutu

Cchiù duluri tinennu mmanu na rosa

E ti si sckantàtu cchiù

Pi ‘na frunna caduta ‘nterra

 

Mò no dicu ‘nu grandi funirali

Pi n’erricurdà ca sumu mortali

Ma mancu ‘na ndinnata minuscula ‘i campana

P’ammuccià ‘u rumùri surdu d’ ‘a funtana?

Questa notte è venuta un mala ora

Anche lei deve passare: … e passa!!!

Perchè nessun giorno passato torna

Come mai può tornare ancora questa sciagura

 

Ora si è fatto quasi giorno

E’ tempo di andare a salpare la coffa

Cento ami avete innescato ieri sera

Cento esche dalla Matrella a don Nicola

Ogni esca un pensiero gettato a mare

Per fare abboccare un pesce …poi

… una tirata di toscano

 

Antichi comparatici si stanno rompendo

mentre ancora stai navigando.

Quante memorie passate da tanti anni

I cani che attorcigliavano guinzagli alle gambe

Gioventù finita in un paio di bracciate

E noi, giù al bar a sparare cazzate

 

La morte

Ti coglie nel tuo letto

E sognerai

Che non occorre affatto respirare

Che il silenzio senza respiro

E’ una musica passabile

Perchè sei piccolo come una scintilla

 

E ti spegni al ritmo di quella

Una morte solo cosi. Hai sentito

Più dolore tenendo in mano una rosa

E provato maggiore sgomento

Per un petalo sul pavimento

 

Ora non dico un grande funerale

Per ricordarci che siamo mortali

Ma nemmeno una piccola suonata di campana

Per nascondere il rumore sordo della fontana?

 

 

Il corsivo è tratto da “progetto un mondo” e l’epigrafe da “bagaglio del ritorno” di Wislawa Szymborska

U Portu (di Francesco Chiappetta)

Il Porto

Il Porto è mia madre che lava i panni alla fontana ; mio zio che rammenda reti al fresco del fondaco: noi che, da bambini, andiamo scalzi sulla rena cocente. Il Porto è spesso questi ricordi,soprattutto per chi è costretto a non abitarlo,a viverlo nella sua affascinante,monotona,imprevedibile e naturale quotidianità. Ultimamente, grazie alle belle intuizioni fotografiche di Tania, il ricordo si accende per mezzo di una luce particolare, perché è la luce la vera protagonista di queste fotografie (etimologicamente dal greco photos=luce e graphein=scrivere).

Il vecchio pescatore (di Letizia Labanchi)

IL VECCHIO PESCATORE
“Cazzaneddu”

Come a bulino cesellato il volto
da sole e vento
il vecchio pescatore
sovente contraèa le folte ciglia
quasi a scrutare ancora l’orizzonte.