Author Archives: Francesco Chiappetta

Beniamino

Quannu ‘u soli si sùsiti e capuzzjiti da retu san Biasi

jettiti com’ ’a nu bannu, ‘ncoppa ‘a prima gilusia d’ ‘u Portu

’u molu ggià accumèngiti a svuddi

’na picundrìa nìvura, di preta e sali.

Tu, cu chiddi mani cadduùse e scure

He già sciòtu e mullàtu ‘i cimi

Cu ssapìti và cuntènnu ca i marinari su òmmini

Ca dormìnu cu ‘a morti pi cuscìnu….

E forsi ‘na mòrti t’è parùta

Ogni vota ca ti si ggiràtu a guardà u Portu

Ca si facìti sempi cchiù muzzìcu….

Arrètu ‘a scia d’ ‘u guzzu

o chiddi matinàti frischi, ‘i stata

quannu ‘u pizzicanìnu facì pedda a rattacàsu.

Ma po’ turnennu, turnàvisi a vidi ‘u Portu, crèsci da luntànu

e a puppa isi lassènnu ogni fatica, ogni paura

jnta ‘na scia ‘i gafie.

Già non zi vidìnu cchiù rizzi stesi ‘nu soli d’’a mbrajata,

lanziceddi abbunati, falanfghe e puntìlli accucchìati

rimi da murata a murata e ‘ncoppa rizzacchi a asciucà

Avemu càpitu ca a cu no tteni mari

va bbònu nu mari qualsiasi

ma cu ‘u tèniti va truvennu sulu ‘u sùu

no ‘mbòrta se è strànu funnu

Mo u fumu ‘i sigaretta nonn ammisuriti cchiù tempu

e ‘u mari si pigliti sempi ‘a rrobba sua…

puru si l’adda j a ricògli ‘ nnanti ù purtuni d’ ‘u fùnnicu.

Nonn’abbasti maje temppu a nuje,

pi putì ausulià i paroli d’ ‘i vavùzi ca pà rrinu int’a a risacca e addummànninu

Navighesti sempi punta a punta?

Pi rispettu ’nu mari anticu?

P’avì ‘nu portu sempi amànisi, scaràcciulu ‘na timpesta?

Cca, no vèniti cchiù Giuvanni, accussì chiamesti a gafia cu locchi chini d’abbìssu…

Quando il sole si alza e facendo capolino da dietro san Biagio

Getta, come un bando, l’alba sulla prima gelosia del Porto

Il molo già comincia a sbollire

Una nostalgia nera di pietra e sale.

Tu con quelle mani callose e scure

Hai già sciolto e mollato le cime

Chi sa, va raccontando che i marinai sono uomini

che dormono con la morte per cuscino…

E forse una morte t’ è sembrato

Ogni volta che ti sei girato a guardare il porto

Che si faceva sempre più piccolo

Dietro la scia del gozzo

o quelle mattinate fresche d’estate,

quando un brivido faceva la pelle come grattugia.

Ma poi ,tornando, tornavi a rivedere il porto crescere da lontano

e a poppa andavi lasciando ogni fatica ogni paura

in una scia bianca di gabbiani

Già non si vedevano più reti stese al sole della ‘mbraiata

lance affondate, falanghe e puntelli radunati

remi da murata a murata e sopra reti volanti ad asciugare

Abbiamo capito che a chi non ha mare

va bene uno qualsiasi

ma chi lo ha va cercando solo il suo

non importa se è stranamente profondo…

adesso il fumo di sigaretta non misura più tempo

e il mare si riprende sempre la sua roba…

anche se la deve riprendere davanti al portone del fondaco.

Non basta mai tempo a noi

per poter ascoltare le parole dei sassi che parlano nella risacca e chiedono:

Navigasti sempre da punta a punta?

Per rispetto del mare antico?

per aver sempre un porto a portata di mano, ridosso alla tempesta?

qui non viene più Giovanni, cosi chiamasti il gabbiano con gli occhi d’abisso…

 

 

 

Il Crivo

La spiaggia del Crivo, attualmente racchiusa fra i moli del Porto di Maratea, è, per me, non solo un luogo del ricordo ma un vero e proprio sentimento, cioè la diretta connessione corpo-anima. In questo luogo della memoria le esperienze fisiche dalla preadolescenza alla gioventù si sono impresse nell’animo profondo e costituiscono, in questa età matura, la riserva esperienziale cui attingere in ogni momento, per ogni occasione.

Il fiume e l’oceano

Dicono che prima di entrare in mare

il fiume trema di paura.

A guardare indietro

tutto il cammino che ha percorso

i vertici,le montagne,

il lungo e tortuoso cammino.

che ha aperto attraverso giungle e villaggi.

E vede di fronte a sé un oceano così grande

che a entrare in lui può solo

sparire per sempre

Ma non c’è altro modo.

Il fiume non può tornare indietro.

Nessuno può tornare indietro.

Tornare indietro è impossibile nell’esistenza.

Il fiume deve accettare la sua natura

e entrare nell’oceano.

Solo entrando nell’oceano

la paura diminuerà,

perché solo allora saprà

che non si tratta di scomparire nell’oceano

ma di diventare oceano.

 

Dicinu ca prima ‘i trasi a mmàri

’u jumu trèmi ddi pàura.

A guardà arretu

tutta ‘a via c’ha fattu

‘i pizzi ‘i muntagni,

’u camìnu lòngu e arravugliàtu.

ca s’è apèrtu mmènzu a voschi e pàisi.

e vìditi nnandi ‘a iddi nu mari accussì gròssu

ca a ngi tràsi da indù ngi po’ sulu

scumparì pi sempi

Ma non ngè ata manera.

’U jumu no po’ turnà arretu.

Nisciunu po’ turnà arrètu.

Turnà arrètu no si po’ fa campènnu.

’U jumu adda favurisci a natura sua

adda tràsi a mmari.

Sulu trasènnu a mmari

’a paùra càliti,

picchì sulu tannu ‘u jumu sàpiti

ca non s’ tratti di scumparisci intu ‘u mari

Ma ‘i divintà mari

(Khalil Gibran)

Viaggio

VIAGGIO DA NAPOLI AL PORTO CINQUANT’ANNI FA…

Non sempre succede di avere un colpo di fortuna. Figurarsi due. Io li ebbi entrambi poiché nacqui a Napoli, ultimo di cinque figli, da madre marateota e portaiola (nell’imprinting conta la discendenza materna anche se a dispetto del cognome); sgravato in casa a Largo Due Porte all’Arenella. Il panorama sul porto di Napoli si apriva sotto il declivio di una collina ricca di coltivazioni di ortaggi e vegetali, pascolo di vacche da latte e altri animali da cortile: un piccolo paradiso non ancora minacciato dalla incombente Tangenziale.

Popò

KOSMOS MAKROS CHRONOS PARADOXOS

Nell’infinità dell’universo il tempo è un paradosso

 

Stanotti è vinùta ‘ na mala ura,

Ma puru idda adda passà;…e pàssiti

Picchì nisciunu jurnu passàtu torniti

Comi maje po’ turnà ancora sta sciaùra

 

Mò s’he fattu quasi jurnu:

E’ tempu di ‘i a levà ‘a catranella

Cent’ammiri avesa annisckatu ieri sira

Centu morzi da ‘a Matredda a don Nicola

Ogni morzu ‘nu pinzeru jettatu a mmari

Pi fa ammuccaà ‘nu pisci….pò

…. ‘na tirata ‘i tuscanu….

 

Antichi san Giuvanni si stanu ruppennu

Ammenti ca angora staje navighennu.

Quante memorie su passate da tant’anni

I cani c’atturcigliàvinu guinzagli ‘ni gammi

Giuvintù finita unt’a ‘nu paru ‘ vrazzate

E nuje abbàsciu ‘u bar a sparà cazzate..

 

’A morte

T’ha ngucciatu int’’u lettu tùu

E t’ ‘nzunnarrài

Ca no sèrviti a nnenti rispirà

Ca ‘u silenziu senza fiatu

E’ musica ca po gghì

Picchì si muzzicu comi ‘na lambuddina

 

E t’ammortisi com’ ‘a idda

’Na morti accussì. He sintutu

Cchiù duluri tinennu mmanu na rosa

E ti si sckantàtu cchiù

Pi ‘na frunna caduta ‘nterra

 

Mò no dicu ‘nu grandi funirali

Pi n’erricurdà ca sumu mortali

Ma mancu ‘na ndinnata minuscula ‘i campana

P’ammuccià ‘u rumùri surdu d’ ‘a funtana?

Questa notte è venuta un mala ora

Anche lei deve passare: … e passa!!!

Perchè nessun giorno passato torna

Come mai può tornare ancora questa sciagura

 

Ora si è fatto quasi giorno

E’ tempo di andare a salpare la coffa

Cento ami avete innescato ieri sera

Cento esche dalla Matrella a don Nicola

Ogni esca un pensiero gettato a mare

Per fare abboccare un pesce …poi

… una tirata di toscano

 

Antichi comparatici si stanno rompendo

mentre ancora stai navigando.

Quante memorie passate da tanti anni

I cani che attorcigliavano guinzagli alle gambe

Gioventù finita in un paio di bracciate

E noi, giù al bar a sparare cazzate

 

La morte

Ti coglie nel tuo letto

E sognerai

Che non occorre affatto respirare

Che il silenzio senza respiro

E’ una musica passabile

Perchè sei piccolo come una scintilla

 

E ti spegni al ritmo di quella

Una morte solo cosi. Hai sentito

Più dolore tenendo in mano una rosa

E provato maggiore sgomento

Per un petalo sul pavimento

 

Ora non dico un grande funerale

Per ricordarci che siamo mortali

Ma nemmeno una piccola suonata di campana

Per nascondere il rumore sordo della fontana?

 

 

Il corsivo è tratto da “progetto un mondo” e l’epigrafe da “bagaglio del ritorno” di Wislawa Szymborska