‘U Vaccàru

Cu stu ciort’ ‘i mari

Si gghiùtu a mitti ‘i rizzi…

Ma ‘u sàpisi ca crai no’ scaràmmisi?

Stavòta saje bbonu cu t’hadd’ ammagliàtu;

E no’ ssù voparèddi ‘i Santu Janni

Chiddi lucicèddi ca’ lampiìnu ‘ntornu…Felù.

Nonn’ è murata ‘i malutempu

… stà janchìzza

Ca’ t’è apparàta ‘nnand’ ‘nu mumèntu.

E nonn’ è rota ‘i puppa

‘Stu linnu ca’ vìdisi ‘ni pedi.

Ogni mestiere è persu a stu funnu!

Basta cchiù pani tostu pi’ gaddìni…

…E quistiùni cu’ Fissinèlla.

Con questa mareggiata

Sei andato a calare le reti…

Ma losai che domani non le recuperi?

Stavòlta sai bene chi ti ha ammagliàto;

E non sono le boghe di Santo Janni

quelle lucine che sfavillano intorno…Felù.

Non è aria di cattivo tempo

… questo chiarore

Che ti è apparso in un momènto.

E non è la ruota di poppa

questo legno che vedi ai tuoi piedi.

Ogni mestiere è perso a questo fondale!

Basta pane duro da dare alle galline…

…E i ragionamenti con Fissinèlla.

No votes yet.
Please wait...

One Response to ‘U Vaccàru

  1. le tue sorelle ha detto:

    caro fratellino sei un grande uomo .Solo chi è sensibile riesce ad esprimere così bene ciò che sente e a trasmettere emozioni.Ti vogliamo un mondo di bene

    No votes yet.
    Please wait...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *