‘Cenzino

Cu t’ á vistu cchiù accalummà,

a cavallu ‘i Santu Janni,

cu belli morsi

pi sarichi e ajati?

Muschìddi c’arròtinu attòrnu a pizìddi

no nzì ni vìdinu cchiù.

Tuccata putenti fùjti,

‘Cenzì!!

‘Nta ‘nu nenti

‘nguccèsti ‘a fera e,

com’ ‘u tunnàcchiu,

mittìvi lla capu ‘mbunnu.

Su’ rumàsti ‘i gafie

a cantà ‘nu lamentu

cchiù nìvuru d’ ‘a rena ‘i Caljannìti….

Ma non ti ‘ncarricà, ‘Cenzì

no gguardà ‘mbunnu:

addurvi si’ mmo,

chiddu è munnu!!

Chi ti ha visto più pescare,

a cavallo di Santo Janni,

con belle esche

per saraghi e occhiate?

Moscerini che ronzano attorno ai malleoli

non se ne vedono più.

toccata potente fu,

‘Cenzì!!

‘in un attimo

‘abboccò la bestia,

e come un tonnetto,

prese a tirare verso il fondo.

Sono rimasti i gabbiani

a cantare un lamento

più nero della sabbia di Calajannìti….

Ma non ti preoccupare ‘Cenzì

non guardare il fondo:

dove sei adesso,

quello è il mondo!!

No votes yet.
Please wait...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *