Binnardu ‘i Luiggina

 

No putìmmu sapì

doppu tantu

punenti e sciroccu…….

ca avìta essi ‘nu lampu!!

 

Quannu sutt’ ‘i capanni novi

d’ ‘a banchina, pigliàvisi

‘nu palluni e cessa,

cu ‘nu càvuci,

nni facìsi tuccà ‘u celu….

No putìmmu sapì.

 

Quannu ‘spertu zumpittiàvisi

ncoppa ‘i scogli

pi gghì a piglià ‘nu guzzu

o ‘nu motoscafu….

No putìmmu sapì.

 

Quannu ‘ntinnàvinu

‘i bicchierini,

sutta a Saveriu,

e l’alba sapì’ ddi vòmmicu….

Cu nu facì sapì?

 

Quannu n’ avviàmmu pu Crivu

e n’ ascunnàvi’ llu risu

pittàtu ‘nfaccia

e ‘a paroledda sfizziusa pronta….

Chi putìmmu sapì?

 

E puru quannu l’ùtimu viaggiu

nonn àvisi ancora accumingiàtu

e ggià i jurni ti parràvinu arrètu

cu ‘u sapì ca ‘i purtàvisi a gghittà ‘na munnizza?

 

Mo pinzamu e dicèmu,

pi nni truvà ‘nu cunfòrtu,

ca no ‘mborta…..

picchì cu muoriti di vernu

Cristu ‘u scàrfiti ‘nnetèrnu.

Non potevamo sapere

dopo tanto

ponente e scirocco…….

che doveva essere un lampo!!

 

Quando sotto le capanne nuove

della banchina pigliavi

‘un pallone e in un attimo,

con un calcio,

gli facesti toccare il cielo….

Non potevamo sapere.

 

Quando agile zompettavi

sopra gli scogli

per andare a prendere un gozzo

o un motoscafo….

Non petevamo sapere.

 

Quando tintinnavano

‘i bicchierini,

sotto al bar di Saverio,

e l’alba sapeva di vomito….

Chi ce lo faceva sapere?

 

Quando andavamo verso il Crivo

e ci veniva incintro il sorriso

stampato in faccia

e la parolina sfiziosa pronta….

che potevamo sapere?

 

E pure quando l’ultimo viaggio

non avevi ancora intrapreso

e già i giorni ti sparlavano dietro

chi lo sa che li portavi alla spazzatura?

 

adesso pensiamo e diciamo,

per trovarne conforto,

che non importa…..

perchè chi muore d’inverno

Cristo lo scalda in eterno.

 

 

No votes yet.
Please wait...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *