Zù Mònacu

addò’ va ‘o mare,

llà va ‘a rena

proverbio marinaro sorrentino

Quannu Zù Mònacu cuntàvi ‘nu cuntu,

‘i paròli jscìnu annacàti pe vucca

e i fatti parìnu scritti ‘nfaccia.

Cu mossi d’attori, ‘i mani e l’occhi

ti facìnu vid’ ‘i cunti com’ érinu juti.

E, int’ ‘u cchiù bellu du’ cuntu,

cu ‘na maistrìa

da veru marinàru,

facì fuji ‘a fantasia

sulu dicennu “arrassusìa….”

Po’, comi ‘nu gran reverènnu,

chiudì llu discùrsu cu “e via discurrénnu”.

Quando zu Monicu raccontava un fatto,

le parole uscivano cullate dalla bocca

e i fatti sembravano scritti in faccia.

con movenze d’attore le mani e gli occhi

mostravano i fatti cosi come accaduti.

e, nel pi bello del racconto,

con una maestria

da vero marinaio,

faceva galoppare la fantasia

solo dicendo “arrassusìa….”

poi,come un gran sacerdote,

chiudeva il discorso con “e via discurrénnu”.

No votes yet.
Please wait...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *