Zù Micantòniu

‘A vicchiaja nnì stipèvi’

duje passiùni:

‘a lirica e ‘u sicaru tuscànu.

Ammènti capuzziàvi’

‘mped’ ‘u lettu ‘i nonònna

pi’ nnenti ‘u sintìsi gridà:

viva il rre, viva il rre!!!”

Cu’ lu sa’ i ‘nzurti

chi si piglièvi’ Marina….

…e quanti voti

l’appìvita cazzià

zù Nicola.

Ma iddu nenti,

caputòsta,

si ni saglìti

‘a via ‘i coppa

‘ntunènnu,

cu ‘nu ciort’ ‘i vuciùni,

‘n’ aria d’ ‘a Tosca

minènnu ‘ncelu ‘u bbastùni.

La vecchiaia gli conservò’

due passioni:

la lirica e il sigaro toscano.

mentre sonnecchiava

ai piedi del letto di mia nonna

improvvisamente lo sentivi gridare:

viva il Re, viva il Re!!!”

chi sa gli spaventi

che si prese nonna Marina….

…e quante volte

lo ha dovuto sgridare

zio Nicola.

Ma liu niente,

capotòsta,

se ne saliva

verso casa

intonando,

a gran voce,

un’aria della Tosca

lanciando in cielo il bastone.

No votes yet.
Please wait...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *