‘A cuntrura

M’ arricòrdu ‘i chiddi cuntrùra

‘i soli càudu d’ aùstu,

quannu pi l’ ariu si sintìti sulu

‘u rumùri d’ ‘a funtàna

e ‘a mazzòccula ‘i zà Lisètta

ca cu’ Mbìmbì,

vattìti erva ‘i tagliamàni.

‘Int’ ‘a scisa china ‘i luci,

i circhi ‘i libbàni

asciucàvinu ‘nu soli

e ‘a surìcchia fuìti int’ ‘u bbùcu nìvuru

d’ ‘u muru d’ ‘a chiesa.

Mo, rumùri ‘i motori a ogni ura

dìcinu ca ‘u tempu è ‘n atu:

‘u portu s’è jìngùtu ‘i plastica

e no ngè cchiù ‘a Regina Maris.

Ma chi bbòi cchiù

quannu puru i marinàri su’ d’ ‘i Giardèddi.

Ricordo quelle controre

di sole caldo d’agosto,

quando nell’aria si sentiva solo

il rumore della fontana

e la mazzòccula* di zia Lisètta

che con Mbìmbì,

pestava erba tagliamàni**.

nella discesa piena di luce,

i cerchi dei libbàni***

asciugavano al sole

e la lucertola fuggiva nel buco nero

del muro della chiesa.

Adesso rumori di motore a ogni ora

dìcono che è un altro tempo:

il porto si è riempito di plastica

e non c’è più la Regina Maris****.

Ma cosa vuoi più sperare

quando anche i marinai vengono dai Giardèlli*****.

*sorta di clava usata per pestare i fasci d’erba alfa. ** erba alfa. *** corde vegetali. ****Vecchio peschereccio*****Rione collinare di Maratea.

No votes yet.
Please wait...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *