Libro degli ospiti

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +2 (from 2 votes)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.5/10 (2 votes cast)

Benvenuti!

In questa sezione potrete lasciare un vostro saluto, ricordo o testimonianza che sia.

Per inserire correttamente un messaggio bisogna:

  • Cliaccare su “Invia Messaggio”
  • Inserire il “Titolo”
  • Inserire il vostro “Nome
  • Inserire l’indirizzo di posta elettronica (“E-mail”): questa informazione non sarà resa pubblica ai visitanti
  • Aggiungere il messaggio (“Contenuto”)
  • Ricopiare il “Codice di verifica” nel riquadro a destra
  • Premere il tasto “Invia”

Grazie a tutti coloro che vorranno lasciare in questa bacheca un segno della loro visita.

Scrivi un nuovo messaggio sul guestbook

 
 
 
 
 
 
 

Fields marked with * are required.
Your E-mail address won't be published.
It's possible that your entry will only be visible in the guestbook after we reviewed it.
We reserve the right to edit, delete, or not publish entries.
5 messaggi.
antonio iamundo antonio iamundo da corsico pubblicato il 21 Giugno 2018 alle 18:06:
Ci tenevo a lasciare un pensiero...il Porto è stato la cornice della mia giovinezza e non dimenticherò mai i bei momenti che ci ho passato insieme agli amici...grazie Tonino

Antonio Iamundo
Tânia Schettino Tânia Schettino da Niteroi-Brasil pubblicato il 4 Giugno 2018 alle 16:28:
Ciao!

Sono disceso dalla famiglia Schettino e Lammoglia, i miei antenati Giovanni Schettino e Agnese Lammoglia e i miei bisnonni, Domenico Schettino e Maria Lammoglia che erano di Maratea ed emigrati in Brasile nel 1888. È stata una piacevole sorpresa di leggere questo blog e conoscere le cose sui miei antenati. Mi piacerebbe saperne di più su coloro che sono rimasti nel carattere della mia famiglia. Congratulazioni per il Blog.
Tânia
Teresa Teresa pubblicato il 18 Gennaio 2013 alle 21:43:
Mi sono imbattuta in questo sito per caso, quanti ricordi, quante emozioni. Visi di persone a me care che mi riportano ad un tempo di spensieratezza e di valori genuini che ora forse un po' mancano. Da qui potrò attingere nel leggere storie che papà mi raccontava e che io racconterò a mia figlia. Grazie di cuore. Teresa La Neve
Tania e Franco Fiorenzano Tania e Franco Fiorenzano pubblicato il 29 Marzo 2010 alle 18:33:
Carissimo Tonino,

finalmente il frutto del lavoro e della passione che hai investito in questo progetto ha preso forma!

Penso di esprimere la gratitudine di tutti quelli che, come noi, sono orgogliosi di essere "Portaioli", con il mio semplice grazie.

Ti confesso che, navigando sul sito, mi sono commossa perchè ho "rivisto" tutte quelle persone legate alla mia infanzia e ai racconti dei miei nonni e, ho scoperto che, l'immortalità esiste perchè le persone a cui abbiamo voluto bene continuano a vivere nei nostri ricordi.

Lo scritto di Franco, relativo al ricordo di Bernardo, non poteva esprimere meglio quello che è stato per tutti noi "zio Berny"!

Sarò felice di continuare a fornire il materiale e le informazioni che mi capiterà di reperire, in tal proposito mi viene in mente che sto insegnando a Martina la filastrocca che mi cantava sempre nonna Luisa quando ero bambina, eccola:

voca voca marinaru
piglia li pisci
e portalli a vava,
e a vava e a vavuni
ni mangiamu li maccaruni!

Spero di aver trascritto bene il dialetto, è davvero difficile!

Un abbraccio e a presto!

Tania
Antonio De Luca Antonio De Luca pubblicato il 29 Marzo 2010 alle 18:30:
bello!
ho fatto un giro subito ed mi è piaciuto sia per l'idea che per la realiuzzazione.
ho letto qualcosa e visto un poco di foto e mi sono tornate in mente un mare di cose, cercherò a casa dei miei foto del porto e dei vecchgi portaioli, se le trovo te le giro con piacere. sarà che stiamo invecchiando ma senza memoria non cìè futuro e credo prorio che quello che dicono tua madre e tua zia sia si frutto del ricordo7rimpianto della giovinezza ma è anche la memoria del passato che fa apprezzare le cose guadagnate,
ciao, un saluto a tutti, antonio

ps: non pescare troppo, fai divertire anche i pesci!

Commenti

  1. giuseppe frezza ha detto:

    molto bello. Mi è piaciuto leggere la descrizione della festa del porto. Mi è piaciuto leggere la vicenda che fece infuriare “zu peppe” macellaio (mio suocero) quando Montanelli scrisse che a Maratea si macellavano gli animali nelle grotte !!!!
    complimenti per il lavoro !!!

  2. Gennaro DI PUGLIA ha detto:

    Grazie a chi ha avuto l’idea di creare questo sito che mi fa sentire, a distanza di più di 35 anni, sempre di più legato al mio Porto, dove ho vissuto circa ventanni della mia vita. Non vi nascondo quale sia stata la mia emozione nel leggere le tante storie di gente, che seppure morta da tanti anni, hanno segnato la mia infanzia. Le foto, le storie le poesie, sopratutto quella dedicata al mio carissimo quasi coetaneo Bernardino, mi hanno emozionato. Spero nel mio piccolo magari più in là di poter, se mi sarà permesso, un mio piccolo contributo. Per ora vi abbraccio di cuore e vi ringrazio per avermi, ancora una volta, fattomi respirare aria di casa mia.

  3. Lucia ha detto:

    Grazie per questo muoseo virtuale dedicato al mare, museo sempre aperto, da consultare ogni volta che si perde la rotta dell’ispirazione.
    Quando il mare d’inverno con le sue onde scure nasconde la linea dell’orizzonte ma nel buio appare la luce del porto che riconduce a nuovi pensieri, a nuove idee.
    Questi ricordi fermati per sempre lasciano segni profondi che mi aiuteranno nella progettazione della nuova collezione tessile.
    grazie
    Lucia

  4. mario casigli ha detto:

    Oggi mi hano comunicato la morte dell’AMICO Francesco LEMMO, instancabile lavoratore e persona di grande rispetto e bontà.
    Seppur più grande di me, mi ha sempre onorato di stima e rispetto, e questo per me vale più di qualsiasi altro titolo…
    Ciao Francesco, ti saluto tramite questa pagina che ho trovato per caso e della quale sarai stato sicuramente contento visto che tratta di Maratea e della pesca…

  5. Riccardo ha detto:

    Complimenti , “nu funnicu” davvero fatto bene!

    Devo dire che la qualità degli interventi e delle informazioni è proprio notevole: grazie perché fanno risvegliare un mare di ricordi e di emozioni, sopratutto per la memoria di quelli che non ci sono più.

    L’auspicio è che un giorno questo “museo virtuale” possa diventare anche un qualcosa di concreto e di reale.

    Un saluto ad Aldo e a tutti da un chiazzaiolo (ma con un po’ di sangue saracino) lontano …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *