Pesce ago

Dal fr. “parcer”, bucare. l suo aspetto è caratteristico e molto simile a quello degli altri singnathidae, con corpo così sottile ed allungato da apparire filiforme, bocca molto piccola su di un muso corto e diritto con una carena superiore.Si rinviene anche in acque salmastre. Si nutre di organismi planctonici, stadi larvali di pesci e piccoli invertebrati epifiti di zostere e posidonie.

La scheda tecnica

Nome latino:
Syngnathus abaster
Nome portaiolo:
Parciasàccu
Famiglia:
Di tartano
Lunghezza media:
10 cm.
Lunghezza massima:
45 cm.
Peso medio:
50 gr.
Peso massimo:
200 gr.
Dove si pesca:
Vive in acque basse su praterie di zostere e posidonie, però, si può trovare anche a profondità entro i 50m.
Come si pesca:
Si cattura con il coppo o con la gangamella e i sub riescono anche a prenderlo con le mani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *