Category Archives: Poesie

SantoJanni di Letizia Labanchi

                                 

  

Son qui, in mezzo al mare
esposto
ai violenti libecci

Popò

KOSMOS MAKROS CHRONOS PARADOXOS

Nell’infinità dell’universo il tempo è un paradosso

 

Stanotti è vinùta ‘ na mala ura,

Ma puru idda adda passà;…e pàssiti

Picchì nisciunu jurnu passàtu torniti

Comi maje po’ turnà ancora sta sciaùra

 

Mò s’he fattu quasi jurnu:

E’ tempu di ‘i a levà ‘a catranella

Cent’ammiri avesa annisckatu ieri sira

Centu morzi da ‘a Matredda a don Nicola

Ogni morzu ‘nu pinzeru jettatu a mmari

Pi fa ammuccaà ‘nu pisci….pò

…. ‘na tirata ‘i tuscanu….

 

Antichi san Giuvanni si stanu ruppennu

Ammenti ca angora staje navighennu.

Quante memorie su passate da tant’anni

I cani c’atturcigliàvinu guinzagli ‘ni gammi

Giuvintù finita unt’a ‘nu paru ‘ vrazzate

E nuje abbàsciu ‘u bar a sparà cazzate..

 

’A morte

T’ha ngucciatu int’’u lettu tùu

E t’ ‘nzunnarrài

Ca no sèrviti a nnenti rispirà

Ca ‘u silenziu senza fiatu

E’ musica ca po gghì

Picchì si muzzicu comi ‘na lambuddina

 

E t’ammortisi com’ ‘a idda

’Na morti accussì. He sintutu

Cchiù duluri tinennu mmanu na rosa

E ti si sckantàtu cchiù

Pi ‘na frunna caduta ‘nterra

 

Mò no dicu ‘nu grandi funirali

Pi n’erricurdà ca sumu mortali

Ma mancu ‘na ndinnata minuscula ‘i campana

P’ammuccià ‘u rumùri surdu d’ ‘a funtana?

Questa notte è venuta un mala ora

Anche lei deve passare: … e passa!!!

Perchè nessun giorno passato torna

Come mai può tornare ancora questa sciagura

 

Ora si è fatto quasi giorno

E’ tempo di andare a salpare la coffa

Cento ami avete innescato ieri sera

Cento esche dalla Matrella a don Nicola

Ogni esca un pensiero gettato a mare

Per fare abboccare un pesce …poi

… una tirata di toscano

 

Antichi comparatici si stanno rompendo

mentre ancora stai navigando.

Quante memorie passate da tanti anni

I cani che attorcigliavano guinzagli alle gambe

Gioventù finita in un paio di bracciate

E noi, giù al bar a sparare cazzate

 

La morte

Ti coglie nel tuo letto

E sognerai

Che non occorre affatto respirare

Che il silenzio senza respiro

E’ una musica passabile

Perchè sei piccolo come una scintilla

 

E ti spegni al ritmo di quella

Una morte solo cosi. Hai sentito

Più dolore tenendo in mano una rosa

E provato maggiore sgomento

Per un petalo sul pavimento

 

Ora non dico un grande funerale

Per ricordarci che siamo mortali

Ma nemmeno una piccola suonata di campana

Per nascondere il rumore sordo della fontana?

 

 

Il corsivo è tratto da “progetto un mondo” e l’epigrafe da “bagaglio del ritorno” di Wislawa Szymborska

U Portu (di Francesco Chiappetta)

Il Porto

Il Porto è mia madre che lava i panni alla fontana ; mio zio che rammenda reti al fresco del fondaco: noi che, da bambini, andiamo scalzi sulla rena cocente. Il Porto è spesso questi ricordi,soprattutto per chi è costretto a non abitarlo,a viverlo nella sua affascinante,monotona,imprevedibile e naturale quotidianità. Ultimamente, grazie alle belle intuizioni fotografiche di Tania, il ricordo si accende per mezzo di una luce particolare, perché è la luce la vera protagonista di queste fotografie (etimologicamente dal greco photos=luce e graphein=scrivere).

Il vecchio pescatore (di Letizia Labanchi)

IL VECCHIO PESCATORE
“Cazzaneddu”

Come a bulino cesellato il volto
da sole e vento
il vecchio pescatore
sovente contraèa le folte ciglia
quasi a scrutare ancora l’orizzonte.

U mari cchiù bellu

‘U cchiu bellu d’ ‘i mari

E’ chiddu ca nonn avemu navigatu.

‘U cchiu bellu d’ ‘i figli nosti

Nonn è ancora crisciutu.

I jurni nosti cchiu belli

Nonn avemu ancora passati.

E’ chìddu

Ca ti vulèra dici di cchiu bèllu

Ancòra non t’aggiu dìttu.

Il più bello dei mari

E’ quello che non abbiamo navigato

Il più bello dei figli nostri

Non è ancora cresciuto.

I giorni nostri più belli

Non li abbiamo ancora passati

E’ quello

che vorrei dirti di più bello

Ancora non te l’ho detto